Stato di massima pericolosità per gli incendi boschivi

a cura di Marialuisa Forte

La Regione Piemonte, con determinazione dirigenziale n. 742 del 12 marzo 2019 del Settore Protezione Civile ha decretato: LO STATO DI MASSIMA PERICOLOSITA' PER GLI INCENDI BOSCHIVI SU TUTTO IL TERRITORIO REGIONALE A PARTIRE DAL GIORNO 13 marzo 2019, ai sensi della Legge 21/11/2000 n.353 e Legge Regionale 19/11/2013 n.21 .

Pertanto, in applicazione dell'art. 11 comma 6 della L.R.21/2013, è vietata l'accensione di fuochi o l'abbruciamento diffuso di materiale vegetale in terreni boscati, pascolivi o cespugliati, a partire da una distanza inferiore a 100 metri da essi.

In particolare è vietato: accendere fuochi, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare motori, fornelli o inceneritori che producano faville o brace, accendere fuochi d'artificio, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale combustibile o compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio.

Inoltre, in applicazione dell'art. 14 della L.R.21/2013:

  1. Le violazioni dei divieti di cui all'art.11, comma 2 e l'inosservanza delle prescrizioni di cui all'art.11, commi 4 e 5 comportano l'applicazione di sanzioni amministrative da un minimo di 200 euro ad un massimo di 2.000 euro.
  2. Le violazioni di divieti e l'inosservanza delle prescrizioni di cui all'art.11, commi 3 e 6, comportano l'applicazione delle sanzioni previste dall'art.10 della Legge 353/2000.


    E' fatto d'obbligo di osservare e far applicare le disposizioni ivi indicate.

Torna indietro